Un’intervista all’illustratrice Yuno, sui Manga e sul loro lato artistico

Gli amici di Manga.Tokyo hanno realizzato un’intervista ad una delle illustratrici Giapponesi più in voga al momento: Yuno.Yuno

Da qui in poi comincia l’intervista dei ragazzi di Manga.Tokyo:

Manga…manga. Tokyo o tutto il Giappone, si illumina di luce riflessa dei suoi artisti. Oggi andremo a fare qualche domanda ad uno di questi. Una delle illustratrici più acclamate del momento è Yuno. A lei chiederemo qualcosa sul processo artistico che sta dietro un’opera e di come essa si relazioni all’industria giapponese sul mondo Anime e Manga.

Un’intervista con Yuno!


Yuno

Parlaci un pò di te, innanzitutto!

Mi chiamo Yuno e sono un’illustratrice. Mi sono occupata nel 2013 della realizzazione dei mostri del videogame per Nintendo 3DS: Bravely Second: End Layer di Square Enix. Da questo lavoro è cominciata la mia carriera. Mi sono occupato di t-shirt design, locandine per eventi, mostre ed illustrazioni.

Perché hai scelto di diventare un’illustratrice?

Quando ero piccola non ero molto brava a scuola, passavo tutto il tempo a disegnare. Durante le medie e le superiori mi innamorai di tutto ciò che riguardava il lato grafico delle cose. Comincia a disegnare icone, loghi e illustrazioni per sitiweb immobiliari, poi passai a disegnare illustrazioni per alcuni blog. Quando cominciai, durante le superiori per lo più, non ci guadagnavo niente, lo facevo solo per aiutare. Dopo essermi diplomata ricevetti un’offerta da un’azienda. Fu in quel momento che capì che questo poteva diventare il mio lavoro per tutta la vita. In quel momento, decisi che il mio obbiettivo era diventare un’illustratrice.

L’utilizzo che riesci a fare di linee fine e colori vivavi è sbalorditivo. E’ una scelta volontaria per esaltare la tua individualità?

Una volta pensavo sempre “Voglio lavorare alla realizzazione di un anime”, e per avvicinarmi a questo sogno volevo imparare l’utilizzo delle linee fine e altre caratteristiche da alcuni animatori giapponesi. Quando ero adolescente, ho frequentato una scuola di feshion design a Shinjuku Akebonobashi e li passavo tantissimo tempo a disegnare piccoli schizzi su fogli di carta, a matite ed inchiostro. Mi piaceva la forza evocativa che riuscivano a dare le linee in un bel disegno. Penso che quest’esperienza mi abbia influenzato. Per quanto riguardo l’uso dei colori, non mi sono mai presa la briga di curarmi se i capelli sono neri, castani, o qualche altro colore plausibile. Nella scelta dei colori, mi piace considerare dove si trova il personaggio o se è una giornata bella o triste. In base a queste cose scelgo quali colori utilizzare. Non mi interessa preoccuparmi di rappresentare per com’è qualcosa. Queste informazioni voglio renderle mediante un’affinità tra i colori usati, lo sfondo bianco e l’utilizzo delle linee.

Yuno

Quanti schizzi fai della stessa rappresentazione prima che tu sia soddisfatta del lavoro fatto?

Non sono mai pienamente soddisfatta, però quando ne faccio tante, tra i 10 e le 100 versioni, c’é ne sempre qualcuna di cui poi mi innammoro. Talvolta capita che non mi piace nessuna delle bozze che ho fatto. Quando capita mi comporto così: compro un quaderno, vado in un bar e comincio a riempire tutto il quaderno di disegni.

Di recente mi piacciono molto i disegni che realizzo a lavoro. Quando il mio capo ed i clienti guardano i miei lavori e li elogiano, mi sento felice.

Ci sono illustratori che ammiri o a cui ti ispiri?

Il mio illutratore preferito e Miho Tanaka. Ai primi di quest’anno, ho comprato una sua un’illustrazione che mi piaceva, gli ho messo una cornice e l’ho esposta all’ingresso di casa mia.

Il mio obbiettivo è diventare come Kouhaku Kuroboshi, che si è occupato delle illustrazioni della light novel: Kino’s Journey, la mia preferita quando ero piccola. Ho sempre ammirato i suoi lavori.

C’è qualche tuo lavoro che abbia influenzato tutti gli altri o che ti abbia lasciato dentro un bagaglio d’esperienze importanti?

Quando avevo 20 anni, mi fu chiesto di produrre qualcosa su Mamagoto’s Waga Hoshi. Non avevo nessuna descrizione ne indicazione sui personaggi, avevo solo un tavolo circolare, i miei strumenti su di esso ed un foglio. Allora per completare il lavoro comincia ad ascoltare un pò di musica e mi basai sulle parole, parole che anche un bambino di 10 anni poteva capiva. Finì in un lampo. Da quel lavoro, cominciai a fare attenzione alla quantità di linee da utilizzare. Comincia a mettere su tela solo l’indispensabile.

Yuno

C’è qualcosa a cui fai particolarmente attenzione quando devi creare un’illustrazione?

Quando disegno, penso sempre a chi deve rivolgersi la mia opera. Quelli che la utilizzeranno per appenderla nelle loro camere, chi come sfondo del telefono ecc… Moltissima gente utilizza le mie immagini ogni giorno. Cerco sempre quindi di creare qualcosa che ad ogni nuova occhiata tu possa trovare qualcosa di nuovo.

Ti va di dare qualche consiglio ai giovani all’estero che sognano di diventare illustratori?

Adoro i disegni che vengono fatti all’estero. Quando ero giovane ho copiato molte volte le opere di Ashley Wood  e Kekai Kotaki, avevo anche alcuni loro poster nella mia stanza. Mi eccito tantissimo quando vedo qualche disegno estero su Instagram, anche loro sono molto bravi.

Non puoi pensare che il tuo sia davvero un lavoro finché qualcuno non ti ringrazia e ti paga per l’opera realizzata. Quando arriverà il momento in cui riceverete soldi per le vostre opere, potrete gonfiare il petto e dichiararvi illustratori. Spero che quando ciò accadrà, chiunque vi riconosca come illustratori. Mi piacerebbe lavorare assieme a voi!

 

 

Sito web di Yuno.

Alcune delle illustrazioni più belle:

 

 

Interviste, News Anime e Manga

Informazioni su palermomanga

Ragazzino di 23 anni che si sta laureando. Al momento passa le giornate a leggere manga, guardare anime e giocare ai videogiochi. Tra le sue opere preferite rientrano: Harlem Beat, Death Note, Full metal alchemist, One Piece, Maison Ikkoku. Al momento sta cominciando My hero Academia e Rinne. Si diletta a cercare e pubblicare news sul mondo degli Anime e Manga.

Precedente Pubblicato un nuovo trailer del live-action di Tokyo Ghoul sub ENG Successivo Uci Cinema: Tutti i migliori film della stagione scontati

Lascia un commento

*