La Fratellanza – Di una recensione sulle carceri… Voto: 7

Il problema delle carceri è uno dei problemi più dibattuti da almeno 500 anni. A partire dai primi del 1900 i film sul tema si sono sprecati, la Fratellanza sotto uno sfondo non proprio legato al tema, mette in mostra (anche senza voler trattare il tema) alcune conseguenze di una cattiva gestione delle carceri.La fratellanza

O si è una vittima o si è un guerriero.

Il fatto è che siamo tutti l’angioletto di qualcuno.

Le carceri

Quando il carcere cessa di essere considerato un centro di recupero diventa un inferno, capace di piegare chiunque, capace di costringere al cambiamento chiunque pur di sopravvivere. In Italia recentemente abbiamo visto film come “Cesare deve morire”, ottimo esempio di cinema indipendente e anche esempio virtuoso di una buona gestione delle carceri. In America, in particolare negli stati uniti, parliamo di tutto un’altro mondo. Certo sicuramente il film enfatizza nel voler ricordare le prigione del Texas più duro. Quando ci si trova in un carcere, tante certezze della propria vita cambiano ed un padre di famiglia può trasformarsi nel più efferato criminale pur di sopravvivere. L’accoglienza è il momento più delicato, in quei 5 minuti in cui ti viene presentato il carcere potrebbe dedidersi come sarà la tua vita per i prossimi 3 anni. Ciò che penseranno gli altri carcerati di te viene deciso in 5 minuti, o sei un debole o meriti rispetto. La fine dei deboli è palese, la prima notte in carcere ti legheranno, ed abuseranno di te. O reagisci o muori, o uccidi o sarai ucciso. Nicolaj Coster sceglie la seconda opzione.

Nikolaj Coster

Altro film come attore protagonista, dopo che lo abbiamo visto prendere i panni di Jamie Lannister, una comparsa in Oblivion ed in altri film, interpreta un ex uomo d’affari che in seguito al suo arresto per l’uccisione del suo migliore amico (incidente stradale) si trova a dover affrontare un cambiamento radicale per sopravvivere. Elogiamo subito il trucco(?) che rende credibile il cambiamento del personaggio durante il film.

La fratellanzaMa al di la di questo la prestazione non è stata particolarmente brillante e probabilmente non rimarranno scene di questo film impresse nella vostra memoria. Prestazione ordinaria.

 

Le pecca: il nemico

Parlando subito di pecche di questo film, vorrei chiedervi se voi vorreste provare a dare un’idea di furbizia ad un omone muscoloso cosa fate? probabilmente l’idea che scartereste sarà “Facciamo che oltre ad essere un narcotrafficante e wrestler diamo l’idea che sia anche un lettore e studioso facendogli regalare un paioi di libri”. Praticamente il nemico principale del film, che dovrebbe essere un genio, lo è solo perché in una scena regala un paio di libri sulla psicologia umana al protagonista. Ecco, è proprio questo uno dei difetti del film. Come thriller non è un granché, gli scontri tra il poliziotto e il protagonista, il protagonista ed il capo della fratellanza, il protagonista ed altri, non sono per nulla “mentalmente” stimolanti. Ciò che da fastidio e che si ricorre spesso per elogiare la genialità dei personaggi o del piano sulla vendita di un paio di fucili, a terzi personaggi, che ne parlano come di un piano geniale quando poi si rivela una cretinata o comunque nulla di che. Molto meglio il lato drammatico, che regge bene l’interpretazioni di Nokolaj.

Incosistenze piccole

La fratellanzaPerché questo tizio si atteggia a persona importante quando è un nessuno…?

 

Creano questi posti per uccidere gente come noi.

Voi avete le vostre regole e noi quelle della fratellanza, per me contano di più.

La fratellanza

Tutti abbiamo bisogno di una famiglia, ed in carcere ciò diventa un’elemento importantissimo per garantirsi un certo senso di sicurezza. Ovviamente bisogna cedere qualcosa… la propria umanità. Ciò che meno si gradisce nel film e che per tutti i primi 110 minuti del film, è che la fratellanza non è solo una banda di delinquenti che da dentro le carceri gestisce il traffico, ma anche un’opportunità di “riscatto” in negativo per quelle persone che non hanno nulla o che hanno perso tutto. Di fatti, il motivo per cui queste bande esistono e sono capace di attirare delinquenti a se, e perché offrono un futuro quanto meno a medio termine se non muori prima. Ovviamente è pur sempre una pessima vita dove il tradimento è nell’angolo. Molto del cambiamento del personaggio è giocato sul fatto che si rende necessario per lui far parte della fratellanza, così come per gli altri membri. Ed assieme a questo, appoggio anche tutta una serie di regole vincolanti, che nella realtà dura in cui vive appaiono accettabili. Tutto questo si perde alla fine, dove la fratellanza diventa praticamente una macchietta a causa del suo capo, che rende del tutto irrealistico che questa gang sia così potente anche al di fuori del carcere.

Fatti Trash

Praticamente vi basta inserire su per il sedere ogni oggetto per nasconderlo alle guardie e Nikolaj ricorre spesso a questo stratagemma. Ovviamente diventa grottesco dopo che ogni volta che deve nascondere un oggetto se lo infila in c**o.

Voto finale: 7

 

 

5 motivi per amare Il Signore Degli Anelli!

Per rimanere informati su tutte le notizie riguanti il mondo di Anime e Manga potete lasciare un mi piace alla nostra pagina facebook.

 

 

 

News film e serie TV, Recensioni, Video

Informazioni su palermomanga

Ragazzino di 23 anni che si sta laureando. Al momento passa le giornate a leggere manga, guardare anime e giocare ai videogiochi. Tra le sue opere preferite rientrano: Harlem Beat, Death Note, Full metal alchemist, One Piece, Maison Ikkoku. Al momento sta cominciando My hero Academia e Rinne. Si diletta a cercare e pubblicare news sul mondo degli Anime e Manga.

Precedente Magi: The Labyrinth of Magic - Annunciata la fine Successivo Fukumenkei Noise Live Action - Pubblicato nuovo trailer

Lascia un commento

*