Intervista a Rica Matsumoto doppiatrice di Ash Ketchum

Pokémon – Scelgo te! Sarà il prossimo film della serie Pokémon, che celebra il suo 20th compleanno. Per saperne di più ne abbiamo parlato con Rica MatsumotoRica Matsumoto

Rica Matsumoto è la storica doppiatrice di Ash nella versione Giapponese della serie e ritornerà anche nel prossimo film Pokémon.

Pokémon – Scelgo te! si concentrerà sul rapporto tra Ash e Pikachu e su come esso è iniziato, ripercorrendo i primi episodi della serie. In questo film appariranno Pokémon di ogni generazione nonché il pokemon ancora sconosciuto Marshadow. E’ una storia nuova, rivolta ai vecchi e nuovi fan di Pokémon.

Come per i videogiochi, il titolo di ogni stagione dell’anime va incontro a grossi cambiamenti, il nome per esempio. Pochi personaggi sono ricorrenti in ogni stagione, ed uno di questi certamente è il protagonista: Ash Ketchum.

Rica Matsumoto oltre a dare la voce ad Ash, ha curato anche tutte le opening della serie. Ci siamo chiesti dopo 20 anni che tipo di rapporto ha sviluppato con la serie Pokémon, cosa ne pensa ma soprattutto quale sarà secondo lei il futuro della serie.


Quando per la prima volta hai sentito quale sarebbe stato il titolo del film e la storia, cos’hai pensato?

Pokémon è ormani una pietra miliare nella storia dei cartoni animati giapponesi. Ho pensato che fosse una storia che saprebbe appassionare anche chi la scopre per la prima volta. Pokèmon ha divertito tantissimi per 20 anni. Sia che ti senti sola o stanca, non importa. L’obbiettivo di Pokémon è rilassare le persone che guardano al serie e fargli gridare: scelgo te!

Cosa ne pensi riguardo al ritornare alle origioni col primo incontro tra Ash e Pikachu?

Sono passati 20 anni da quella scena, ed io sono contetissima di poterla fare ancora un’altra volta. L’opening iniziale si chiama: Mezase Pokemon Master -20th Anniversary, ma non è una canzone nostalgica. Anche se l’ho scritta 20 anni fa è una canzone che mi ha sempre accompagnata e ricantarla per me è comunque naturale.

Come ti sei sentita nel registrare Mezase Pokemon Master – 20th Anniversary? E’ uscito fuori un buon prodotto?

Ho capito che questa canzone fa parte di me nel profondo. Anche se l’ho già cantanta molte volte, ogni volta quel ritornello “I’ll definitely become a Pokemon Master!’, mi fa sentire bene. Nel registrarla di nuovo… mi sono sentita molto bene. L’emozione che provo nel ricantare di nuovo queste strofe sono indescrivibili. Ripensandoci adesso, la prima volta che decidemmo questa canzone lo facemmo in fretta e furia. Registrammo il tutto in una settimana. A quel tempo non immaginavamo avrebbe fatto tutto questo successo.

Ma tu sei cosciente dell’importanza che ha avuto questa canzone all’interno della serie?

Si e non esagero se affermo che mi è stato chiesto di cantarla in ogni parte del mondo. Guardandomi indietro adesso sono felicissima del mio percorso. Ho pensato “Sto dando tutta me stessa per questa canzone”. Anche prima di produrre l’anime mi capitava già di cantarla. Quando ho sentito che l’anime sarebbe stato interrotto sono rimasta scioccata, però in tour nel mondo tutte le persona erano assolutamente convinte che prima o poi l’avrebbero ripreso. Loro mi hanno dato speranza. Ho cantato tantissime canzoni dei Pokémon, ma proprio perché nei momenti difficili della mia vita Mezase Pokemon Master mi ha aiutata, lei è la mia preferita. Voglio continuare a cantarla ancora, non voglio che diventi qualcosa di nostalgico.

Sei stata in compagnia di Ash per 20 anni, davvero tanto tempo. Gli hai prestato la tua voce per tutto questo tempo, vuoi raccontare qualcosa in proposito?

Ho sempre voluto che Ash fosse un ragazzo che piaccia ai bambini. Mi piace vederlo come un personaggio che un bambino può ritenere un amico. Quando ci si sente solo o quando le cose vanno male, Ash è un  personaggio a cui appoggiarsi. Non deve per forza essere un amico, puoi vederlo anche come un fratello maggiore. Ho dato la mia voce a lui sperando che entrasse nei cuori di tutte le persone che guardano la serie. Uno che non ti lascia mai da solo.

C’è qualcosa che ti ha piacevolmente sorpreso mentre prestavi la voce ad Ash?

Sicuramente quei momenti in cui Ash, più degli adulti, dava consigli saggi. Nell’episodio Pokémon XY&Z (2015 – 2016) quando Greyninja li abbandona, Ash capendo i sentimenti dei suoi amici, si fà forza per non piangere. In questo momento Ash era pieno di sentimenti contrastanti come me.

In questo film i Pokémon vengono e vanno. Vuoi parlarci della relazione di Ash con loro?

E’ un amore incondizionato. Quando Ash dice a Pikachu “Mi odi? Io ti vorrò comunque sempre bene”, voglio che si creai un’atmosfera familiare tra i personaggi. Col mio cagnolino mi comporto come farebbe Ash con Pikachu. Anche senza bisogno di chiamarlo, lui arriva fiutando se qualcosa nell’aria non va e mi guarda come a dire “ehi, stai bene?”. In questi momenti mi ricorda Pikachu. Inoltre hanno anche la stessa statura [ride].  Riguardando indietro al primo episodio, ero giovane ed ancora non conoscevo esattamente l’amore. Ma adesso, penso di essere pronta a riuscire ad esprimere i miei sentimenti.

Ci sono scene dove oltre a trasparire l’amore di Ash per i Pokémon, traspare anche il tuo?

Certamente. Ho tanti bei ricordi dei Pokémon. Butterfree apparirà in una scena del film, questa volta. L’episodio 21 della prima stagione, cioé: Addio Butterfree, è stato un momento memorabile per me. Quel giorno avevo finito presto di lavorare e mi ero recata subito a casa per vedere “Addio Butterfree” con mia madre. Mentre guardavo l’episodio all’improvviso mi accorsi che stavo piangendo, allora cercando di farmi forza, scherzando per allontanare quel velo malinconico dissi a  mia madre “Ash è proprio un bravo ragazzo, non è vero?” e di colpo anche lei si mise a piangere. Da quel momento, ogni qual volta la gente mi chiede “qual è il tuo episodio preferito?” io rispondo sempre “Addio Butterfree”. E’ uno dei ricordo più belli che ho con i Pokémon.

In questi 20 anni sei sempre stata coinvolta nella serie Pokémon. Come sei cambiata negli anni?

Il mio senso di responsabilità adesso è molto più forte. Anche se lancio un messaggio come Rica Matsumoto, cerco di fare sempre attenzione a non tradire tutti quelli che amano Ash. Ciò che è iniziato con un contratto di un anno, adesso prosegue da 20 anni, ed io non posso fare a meno di ringraziare per questa fortuna, anche se il peso che mi porto alle spalle è molto pesante. Quindi, se qualcuno crescerà coraggioso, forte e sorridendo grazie alle mie azioni, io gliene sarò per sempre grata.

Un’ultima domanda. Sicuramente non finisce qua il tuo rapporto con Ash, puoi dirci qualcosa sul futuro?

Questo è una anno molto importante per la serie. Adesso sembro un disco rotto. Per continuare a renderà la serie così bella devo migliorare ancora. Dagli anni 80 molti senior continuano a lavorare alla serie, ed io voglio imparare ancora di più da loro.

 

Source

Per chi è interessato ad ascoltare la sigla originale dei Pokémon cantata da Rica Matsumoto, questa è la sigla:

Mentre questa è la sigla italiana di Giorgio Vanni:

 

Ricordate, se volete restare informati sulle prossime notizie che pubblicheremo, lasciate un mi piace alla pagina facebook di PalermoMangA‘.

Interviste, News Anime e Manga

Informazioni su palermomanga

Ragazzino di 23 anni che si sta laureando. Al momento passa le giornate a leggere manga, guardare anime e giocare ai videogiochi. Tra le sue opere preferite rientrano: Harlem Beat, Death Note, Full metal alchemist, One Piece, Maison Ikkoku. Al momento sta cominciando My hero Academia e Rinne. Si diletta a cercare e pubblicare news sul mondo degli Anime e Manga.

Precedente La mia ragazza è una pervertita - Annunciato il primo trailer Successivo Otakon 2017 - Alcuni Cosplay

Lascia un commento

*