Harry Potter – Una recensione postuma!

Suvvia ragazzi! Chi di voi non ha mai esplorato il favoloso mondo dell’immaginazione grazie alla lettura di libri come il qui protagonista “Harry Potter”? Harry Potter

O magari qualcuno ha preferito tuffarsi nel mondo del grande schermo grazie alla produzione di film pieni zeppi di effetti speciali?

Tuttavia, in un modo o nell’altro abbiamo tutti sentito parlare di quest’affabile Maghetto, sempre al centro di ogni discussione o pericolo.

Perciò, avendo capito il centro di questa recensione, possiamo benissimo esplorare insieme tutto ciò per cui il giovane Harry ha combattuto, tutti coloro che gli sono stati accanto e, soprattutto, ringrazieremo quella fantastica donna che è riuscita a creare l’intero mondo magico che oggi affascina tutti noi lettori o telespettatori, ma, la verità è che J.K Rowling, non ha creato soltanto un mondo in cui tutti noi vorremmo poter essere, ma ha dato vita ad un Harry Potter dentro ognuno di noi!

La storia di Harry comincia testualmente “Il signor e la signora Dursley, di Privet Drive numero 4, erano orgogliosi di affermare di essere perfettamente normali” (La pietra Filosofale)

Questa breve introduzione, fa già risaltare alla mente che nel corso della storia questa normalità sarà completamente stravolta.

Harry vive con i suoi zii, che non sono del tutto amorevoli come si può pensare, difatti usano il giovane nipote più come un piccolo servitore che per altro. Harry non sopporta la sua situazione e spesso vorrebbe scappare e ritrovarsi in un posto del tutto diverso.

Un giorno come tanti, il suo desiderio sembra essere stato ascoltato, così un gufo lascia a casa Dursley una lettera misteriosa indirizzata al signore Harry Potter.

Dopo averla finalmente letta (dopo tante, tantissime e difficoltose vicende per prenderla), Harry comprende grazie all’aiuto di un Mezzogigante buono, chiamato Hagrid, di essere un mago e di essere stato iscritto alla più facoltosa scuola di Magia e Stregoneria del Mondo, Hogwarts.

Dopo essere finalmente entrato in questa così discussa scuola, capirà che essere un mago non ha solo dei vantaggi ma anche delle responsabilità. Comprenderà che non tutti sono maghi gentili e disposti ad essere dalla tua parte, e che a volte devi scegliere bene di chi fidarti.

Così, già al suo primo anno di scuola il nostro maghetto insieme ai suoi amici si trova a dover affrontare delle ardue prove che lo porteranno a sviluppare tante nuove domande sul suo passato e sui suoi genitori. Domande cui freme di conoscere una risposta…

La verità non è così facile da scoprire, perciò dobbiamo continuare a seguire le vicende del Nostro Piccolo Amico e ricordarci che “Hogwarts darà sempre un aiuto a chi se lo merita”.

Per rimanere informati su tutte le notizie riguanti il mondo di Anime e Manga potete lasciare un mi piace alla nostra pagina facebook.

Precedente New York Comic Con - 4 anni di Cosplay di Andrew Boyle Successivo Adam Wingard parla di un possibile seguito per Death Note

Lascia un commento

*