5 Piccole Meraviglie del Palermo Comic Convention

5 Giorni sono passati dalla fine della fiera del fumetto Palermitana, Il Palermo Comic Convention, e così ora è il caso di buttare giù qualche riga sulle piccole cose belle incontrate durante la fiera. La fiera è stata bellissima, un’esperienza fantastica vedere a Palermo così tante persone accomunate da una serie di passioni tutte molto legate tra di loro, come il fumetto, il cosplay, il cinema e le serie tv. Davvero, si respirava un’area molto positiva, capace di creare momenti di amicizia, socializzazione, gioco, divertimento, curiosità, cultura e tante altre cose belle. Davvero, servirebbero almeno 6 Palermo Comic Convention all’anno a questa città. Una quantità di pubblico sbalorditiva, partecipazione attiva da tantissime persone e tantissimi ospiti interessanti, tantissimi eventi, tornei con i più famosi giochi del momento per pc, ps4, xbox e switch, tornei con i giochi di carte, e qui in particolare bisogna citare una piccola realtà Palermitana che prova a diffondere un’altro bellissimo gioco di carte: Force of will. Ed infine alcuni classici intramontabili come scacchi, dama ed anche  (credo (?)) il gioco del go.

Come di consueto per me, le fiere sono motivo per passare ore, ed ore ed ancora molte ore, a sfogliare tutti i fumetti, libri, manga ecc… di ogni stand. Ho trovato particolarmente piacevoli alcune opere e di queste mi va di parlare. Un grazie a tutti i disegnatori, sceneggiatori, scrittori ecc… Voi mantenete nuova e viva la nostra passione, un grazie infinite.

E adesso giù con le 5 piccole meraviglie trovate al Palermo Comic Convention. Ad ogni piccola meraviglia un aggettivo per descrivere la fiera.

Palermo comic Convention5) –>DIVERTENTE<–

L’anello dei signori di Roberto Megna e Carlo Lauro.

Primissima cosa, un grazie ad entrambi per essere venuti a Palermo a mostrare il loro lavoro e contribuire al lato divertente della fiera. Subito, da grandissimo appassionato, passando per il loro stand, il mio occhio non ha fatto a meno di notare un piccolo libricino che ricordava il Signore degli Anelli, ovvero L’anello dei Signori. Non a caso il nome è scritto al contrario(?), la storia trae vita dalla seguente domanda, e se l’anello una volta giunti a Mordor non fosse stato distrutto? se accidentalmente rimbalzando su una roccia fosse finito fuori dal vulcano e raccolto da due viandanti? Questo libricino risponde a queste domande… più o meno. A trovare l’anello sono due simpatici Gnorrit, Dick e Cock amici del potentissimo Mago. In preda alla fame, i due simpatici Gnorrit si recano alle pendici del monte Fato per arrostire dei marshmellow, e li avviene qualcosa che l’anello non ha saputo prevedere, viene raccolto dai due Gnorrit.

Palermo comic Convention

Dick e Cock non sono esattamente due “brave persone” ma piùttosto dei mascalzoni, del tutto innocenti, sono Gnorrit dopotutto! Appassionati di erba pipa, talmente tanta da contrarre un debito altissimo con alcuni orchi spacciatori, con l’aiuto di Mago comincerà il loro viaggio per la ricerca di un acquirente dell’anello (si il loro obiettivo è farci soldi) a cui vendere l’anello. Un viaggio che li porterà a radurare una compagnia di tutto rispetto, formata per esempio da: Gran Bastardo Jon e Messer Ballister il cuo motto di famiglia è “Un Ballister non dà monete!”. Insomma, un viaggio al contrario, che parte da Mordor per finire chissà dove! incontrando lungo il viaggio tantissime citazioni assurde e divertenti appartenenti all’universo fantasy.

Palermo comic ConventionPersino Gollum…ops volevo dire Callum è particolarmente carino, gabbato e rigabbato più volte dai due gnorrit.

Palermo comic ConventionL’edizione è pubblicata e curata dalla Pro Glo e potete acquistare a 7 euro il libricino direttamente dal loro sito. Lo consiglio fortemente se si vuole passare delle orette divertenti, il viaggio per quanto assurdo, è molto interessante e i disegni di Carlo Lauro sono ottimi e conforme allo spirito del volume, è bravissimo.

4) –>Fantastica<–                         Chrono Gear di Gaetano Scoglio e Giorgio Battisti

Palermo comic Convention

Bisogna subito fare una premessa su questo piccolo ed affascinante volumetto. Va letto ascoltando musica, quindi sdraiati e con alle orecchie un paio di cuffie. Il volumetto stesso, cosa che mi ha colpito particolarmente, vi propone una ost da ascoltare molto valida, liberamente messa a disposizione sul sito dell’editore Upper Comics. Primo appunto da fare a questo piccolo volumetto, se come me si è lenti nel leggere e capace di fare sessioni da due-tre ore consecutive, l’ost è corta. Allora vi vengo in aiuto io! Può essere una buona idea completare la lettura del volumetto partendo con l’ost originale e poi completando con questa, altrettanto bella.

 

Ritornando a Chrono Gear, la parte più interessante è certamente il mondo su cui il volumetto è costruito. Un mondo pieno di mistero, pulsante, magico ma soprattutto vivo, un mondo dove è possibile rifugiarsi nelle giornate no, nelle giornate di pioggia e semplicemente quando ci si sente stanchi e ci si vuole immergersi in una realtà piacevole, composta da un duo di amici inseparabili che vi terranno compagnia, accompagnandovi alla scoperta del mondo di Chrono Gear. Due intrepidi archeologi, indagheranno sul passato del loro mondo scoprendone aspetti impensabili. Ed assiema a loro, le loro bellissime illustrazioni, dei designi morbidi e piacevoli, che renderanno le ore di lettura leggere e piacevoli. Evans Layard e Hyril Shard i due archeologhi della storia vi terranno compagnia durante la loro ricerca della verità che sta dietro al loro mondo.

Palermo comic Convention Palermo comic ConventionE poichè con il fandom questo blog ci va giù pesante, lanciamo subito una frase allegra! “Viva Hyril!!! Evans Buuuuuu!”.

Unici piccoli difetti, spesso credo facciano un’utilizzo troppo abbondante di retini(?), forse? In ogni caso talvolta o non servono o rendono male la lettura se applicati ai baloon. Per esempio:

Palermo comic ConventionAltro difetto, parlando con lo sceneggiatore credo di aver capito che in tutto i volumi saranno 2. Io la butto li… e se ne faceste un 7 o 8 non sarebbe più bello?

In ogni caso è un volume ed una serie italiana molto carina, che merita una prima lettura. Potete acquistarlo direttamente dal sito della Upper Case (cosa che consiglio 🙂 ) al prezzo di 4,50 euro.

3)–>Tenera<– AMIGURUMI

Palermo comic Convention

Al terzo posto quindi non troviamo nè un fumetto nè un libro, ma bensì un Amigurumi. In pochissime parole, un Amigurumi sarebbe proprio ciò che vedete nella foto in alto, in particolare quello è un Totoro realizzato splendidamente (ed è bellissimo 🙂 ). Con qualche dettaglio in più, un Amigurumi è “l’arte giapponese di lavorare all’uncinetto o a maglia piccoli animaletti o creature antropomorfizzate” wikipedia docet. Insomma, un lavoro difficilissimo che richiede materiale costoso e molta abilità. Un Amigurumi può essere più o meno grande, più o meno complesso e generalmente fatto in lana.

Palermo comic ConventionAltri esempi più grandicelli di Amigurumi sono:

Una delle scoperte più piacevoli è stata trovare una ragazza palermitana abilissima nel realizzare questi Amigurumi (Sono tutti realizzati da lei quelli mostrati). Ha anche una pagina facebook che potete consultare per seguirla e vedere tutti gli altri. Inutile dire che in fiera questo era un’acquisto obbligatorio, non potete avere idea di quanto siano pucciosi e belli alla vista. La sua pagina facebook è Amigurumi Eilex e vi consiglio di dargli un’occhiata, ci sono tantissime cose belle.

2)–>Bellissima<– Midori Harada

Probabilmente il vero picco di eccellenza della fiera è stato raggiunto qui (Holly Marie Combs chi?), con la partecipazione di Midori Harada. E’ un’illustratrice, e le foto che ora mostrerò, assolutamente in nessun mondo possono rendere la sua bravura e abilità. Non c’è foto che tiene, bisogna avere l’albo tra le mani per capire quanto è bello il suo stile di disegno. C’erano diversi suoi libri illustrati, ahimè il budget mi ha permesso di prenderne solo uno, e sono ricaduto su:

Palermo comic ConventionIn verità ho pochissimo da dire, è semplicemente un libro illustrato capace di scaldarti il cuore, davvero un libro fantastico. Si doveva e si poteva pubblicizzare meglio la sua presenza alla fiera, presentando questi suoi libri sulla pagina facebook della fiera, attirrando gli appassionati. E’ impossibile non innamorarsi di queste illustrazioni.

Palermo comic ConventionMi ripeto,le foto non rendono per niente. Bisogna averlo in mano e sfogliarlo per bene e con calma per immergersi in quelle immagini.

1)Palermo Comic Convention

L’ultimo post và di diritto alla fiera, essa stessa è la cosa più bella della fiera. E’ stato un piacere immenso immergermi in questa piccola realtà Palermitana, attiva e sana. Mi ripeto di nuovo, bisogna farne almeno 6 all’anno! Comunque, un grazie a tutti quelli che l’hanno resa possibile, a tutti gli ospiti che hanno partecipato e a tutta la gente, vero fulcro vitale della fiera, che ne decreta sempre e solo loro il suo successo o meno. GRAZIE PALERMO COMIC CONVENTION!

E finiamo con un’immagine che riassume i miliardi spesi…

Palermo comic Convention

 

 

Precedente Frozen: Le Avventure di Olaf Successivo Blade Runner 2049 - Un corto formato anime accompagnerà la sua uscita

Lascia un commento

*